Mario Adinolfi morirà di AIDS

Lo ammetto, fino all’ultimo secondo sono stato indeciso sul titolo,  “Mario Adinolfi è un terrapiattista” , così volevo intitolarlo. Ultimamente va di moda questa stronzata della Terra piatta, ultimamente va di moda rendere puttanate mainstream. Sarebbe stato un titolo ironico, e si sa’ l’ironia è come il sesso, attira.  Attira l’attenzione chi brilla. Essì, sarebbe stato proprio un bel titolo.

Ho cambiato idea perché mi piace rovinare le cose belle, il potere sta nel rendere una cosa bella insignificante, ho cambiato idea perché mi piace giocare con la morte. Tu giochi a scacchi vero?   La morte non attira,  la morte è come lei nuda di fronte a te, intimità.

Mi piacciono le persone silenziose, quelle che parlano poco, mi piace chi poco a poco dice di amarmi. Senza andare veloce. Come prima del sesso, pensando le parole, come durante il sesso, pesando i movimenti.

«Tu lo sai quanto pesa una parola?» mi chiese.

«È la cosa più pesante che esista» risposti.

Mi piace fare l’amore con lei tra una parola e l’altra, mi piace quando tra una parola e un’altra finiamo a letto insieme, anche se ci siamo conosciuti stasera, anche se domani non ricorderò il tuo nome. Ogni emozione resta.

Mario Adinolfi è come Dio, o per meglio dire è come Dio secondo Woody Allen “Io non credo sia cattivo, credo che il peggio che si possa dire di lui è che è sostanzialmente un disadattato”.  Almeno mi piace pensarla così, mi piace pensare sia come quei bambini che fanno chiasso solo per essere notati. Mi piace pensare che dichiarazioni come “No al preservativo, chi fa sesso occasionale merita malattie” siano solo mancanza d’attenzione da parte della madre. Freud almeno direbbe così, beh Freud direbbe anche che uno così scopa poco .. mi sa’ che Freud ha sempre ragione.

Mi fumo una canna ascoltando “These are he day of our lives” dei Queen, Freddy Mercury mi piace ricordarlo cosi con il corpo segnato e sempre gli stessi occhi. Le cose brutte spesso non succedono per caso, le cose brutte spesso succedono a chi ha semplicemente vissuto tanto.

Qualche volta ho la sensazione
Di essere tornato ai vecchi tempi – a molto tempo fa
Quando eravamo ragazzi, quando eravamo giovani
Le cose sembravano così perfette – ricordi?
I giorni non avevano fine, eravamo pazzi, eravamo giovani
Il sole splendeva sempre – vivevamo per il divertimento

A volte sembra come se ultimamente – non so proprio
Il resto della mia vita fosse stato solo uno spettacolo
Quelli erano i giorni della nostra vita

Le cose brutte della vita erano così poche
Quei giorni sono passati adesso, ma una cosa è certa:
Quando ci penso e ti rivedo ti amo ancora

Non puoi portare indietro l’orologio
Non puoi arrestare il fluire del tempo
Non è un peccato?
Oh, mi piacerebbe tornare indietro una volta
Per una corsa sulla montagne russe
Quando la vita era solo un gioco
Inutile sedersi e pensare a ciò che hai fatto
Quando puoi distenderti e godertelo attraverso i tuoi bambini

A volte sembra come se ultimamente – non so proprio
Sia meglio sedersi e farsi portare dal flusso dei pensieri
Perché questi sono i giorni delle nostre vite
Sono volati via nella rapidità del tempo
Questi giorni se ne sono andati tutti via adesso ma qualcosa rimane
Quando cerco indietro e non trovo cambiamento

Quelli erano i giorni della nostra vita, sì
Le cose brutte nella vita erano così poche
Quei giorni sono passati adesso, ma una cosa è certa:
Quando ci penso e ti rivedo ti amo ancora
Ti amo ancora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...