Barbara D’Urso

Barbra Streisand
Woo woo woo woo woo woo woo
Woo woo woo woo woo woo woo woo
Woo woo woo woo woo

Barbra Streisand
Woo woo woo woo woo woo woo
Woo woo woo woo woo woo woo
Woo woo woo woo woo woo woo
Woo woo woo woo woo woo woo

C’è una cosa che spesso gli scrittori tralasciano, ed è la colonna sonora. Le note, sono come le carezze, indispensabili se vuoi trasmettere qualcosa. Ho voluto iniziare l’articolo con il testo più popolare dei Duck Sauce proprio per questo, volevo che quest’articolo avesse una colonna sonora trash.

Avrei potuto fare tanti soldi, se solo avessi avuto l’idea giusta al momento giusto, se solo avessi anticipato i Duck Sauce e composto io questo testo sostituendo solo una cosa, “Barbra” Streisand con “Barbra” D’Urso. Immaginate nei villaggi estivi tutti a ballare questa canzone, avrei potuto remixare qualche suo tormentone tipo «Amiche che mi state guardando mentre state stirando» oppure «Lei mi sta dicendo che…» o ancora «Il mio cuore è il vostro, dei miei figli e il vostro.. col cuore!». Sarebbe venuta una cosa spettacolare. Nel video c’avrei messo anche Malgioglio e avrei fatto sicuramente qualche disco d’oro. Purtroppo però le idee, i soldi, sono come i ti amo, il tempismo è tutto.

La tv inghiotte. Le donne della Tv sono ghiotte di cazzo. Non guardarmi così dai, è solo un gioco di parole, è come la parola trash, suona bene, la maggior parte delle cose scrivo le scrivo solo perché suonano bene. Cerca sempre cose che abbiano musicalità.

Guardo la tv e mi distraggo, guardo lei e mi distraggo. La tv è come lei, di fronte a me completamente nuda, mi distrae. Ho bisogno di tutto questo, e anche tu hai bisogno di tutto questo. Questo mondo è fatto per chi è poco concentrato. La bellezza ti viene addosso quando cammini distrattamente per strada. Gli incontri casuali, ecco, quella è bellezza.

Dovrebbero fare una statua a Barbara D’Urso, dovrebbero dedicarle strade, dovrebbero dedicarle scuole per quello che fa ogni giorno per noi. Guardala bene e dimmi cosa vedi. Fermati sui dettagli. Cogli la sua ironia, cogli l’ironia che c’è nelle mie parole. L’ironia è come la figa, non è per tutti.

Torno a guardare “Pomeriggio 5”, fuori un mondo freddo che fa paura. Io non ci penso. Capisci? Questa è la bellezza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...